Premiazione Concorso Letterario

Ha avuto un grande successo il primo concorso letterario aperto ai giovani dell’IIS A.Prever di Pinerolo.
Una quarantina di ragazzi, dalle classi prime alle quinte, hanno aderito con entusiasmo alla prima edizione dell’iniziativa, conclusasi con la premiazione dei migliori tre posti in classifica.
Alla premiazione hanno presenziato il preside dell’istituto, Carlo Merlone e l’assessore alla cultura del comune di Pinerolo Laurenti Martino insieme ai docenti che hanno curato l’iniziativa.
Prosa e poesia, i ragazzi hanno usato la loro inventiva per esprimere il tema del “Viaggio”, con i migliori elogi da parte dei docenti di lettere che hanno preso parte alla giuria e che hanno evidenziato come i ragazzi sappiano produrre pensieri profondi e talvolta poetici ed esprimere idee seguendo le regole di scrittura che sono state loro insegnate.

 

Di seguito proponiamo i primi classificati con i commenti dei giudici.

Al primo gradino del podio Di Benedetto Francesca:

Partendo da “Il diario di Anna Frank”, uno dei testi più letti della letteratura mondiale e sviluppandone i temi, è stato costruito un racconto breve con uno stile secco ed essenziale, un periodare breve che alterna in modo efficace sequenze descrittive ad altre narrative o dialogiche che avvincono il lettore e lo fanno entrare nell’animo di una ragazza come tante, piena di vita, con il suo tumulto di sogni, ambizioni, aspettative, soprattutto paure, ma anche speranze, un’adolescente con una forza d’animo sensazionale, considerando la drammaticità dell’evento vissuto in rapporto alla sua tenera età.

Al secondo posto Manescotto Federico:

Il brano presentato riesce a cogliere, attraverso uno stile limpido e concentrato, l’essenza di un distacco, senza indulgere a toni malinconici e/o melodrammatici. Frasi brevi, icastiche, sentimenti scolpiti, una prosa che a tratti si fa poetica per la sua asciuttezza. Quasi un omaggio alla “Antologia di Spoon River” che si impone per la sua freschezza ed originalità nella mente del lettore.

A parimerito al terzo posto

Castagno Fabio:

Analisi introspettiva perspicace e profonda di un dramma al femminile.  Il racconto riproduce i processi mentali del personaggio principale quasi senza il filtro della ragione cosicché sembrano quelli del lettore. L’autore, inoltre, provoca uno squarcio del velo di finzioni e menzogne che usiamo per occultare le realtà sociali. Semplicemente perché tali mistificazioni ci fanno vivere meglio.

Deflora Marco:

Un viaggio all’interno di se stessi, acuto e convincente, soprattutto per il realismo con cui viene affrontata una situazione di cambiamento e di crescita ricca di problematiche potenzialmente molto gravi, qui svolte con delicatezza, sussurrate in punta di piedi. In tempi di reality show, uno scavo nell’anima, nel tempo, nell’acquisizione degli strumenti necessari alla crescita.

Zucco Sara

marzo 31st, 2017 by