Tempo di lettura: 2 minuti

Erano i primi anni in cui insegnavo all’alberghiero, i “tempi d’oro” delle tredici prime e proprio nella tredicesima c’era un ragazzo che, durante gli intervalli, andava in cortile, sotto la vicepresidenza, e sfidava i compagni, senza basi, a gare di freestyle. Il tempo è passato, quel ragazzo è cresciuto ma la passione è rimasta e le canzoni che ha prodotto sono veramente tante, dalle prime più autobiografiche come “Una settimana da Wedra”  e “Spara” alle canzoni più recenti che propongono temi più complessi. Non ha fatto i soldi, non è famoso come Neffa, Fabri Fibra, Emis Killa, Marracash ma nella musica ci mette il cuore, tutto se stesso e le numerose cicatrici che la vita gli ha lasciato addosso e chissà, magari un giorno sentiremo parlare di lui  “in radio” (tanto per fare una citazione famosa). Ma anche se questo non dovesse succedere, per quelli che gli sono veramente vicino, sarà sempre il ragazzo con la musica nel sangue e cresciuto controvento un po’ come quella famosa barca a vela di un film di Stefano Reali.

Come di consueto vi propongo un paio di canzoni. Visto che domani è San Valentino vorrei fare un po’ come i 99 posse che propongono, in modo ossimorico, come “canzone d’amore” il loro brano “odio”, questa song parla di delusioni, d’altronde da un single incallito come me cosa potevate aspettarvi? 😉

In questa canzone si parla di un amore finito “non posso tradirti non sei mia, sei già di qualcunaltro”,  di un sentimento che rimane, della speranza, tradita, di sentire, anche solo a livello di vicinanza, la persona che si ha amato, “per gli altri ci sei sempre, per me so che tu non ci sarai”. Una sorta di autunno che prelude all’inverno dopo che l’estate è stata così bella. Inoltre in questa canzone c’è una frase che, se ricordate il mio primo articolo, è un po’ un appello che ho fatto, “p.p. ascoltatele le parole ogni volta che faccio un pezzo!” Se vi piace questo pezzo ascoltate anche “Mi scorderò di te”.

Nell’evoluzione musicale ma non solo si può notare una sorta di universalizzazione che, in parte, è rappresentata dalle location dei video che dalla piccola Giaveno spesso si sposta nella città e nel messaggio che passa da una visione introspettiva ad un messaggio “erga omnes” come testo e video della canzone che segue.

Aveva ragione Platone e noi siamo mezze mele alla disperata ricerca dell’altra metà e quando pensiamo di averla trovata, se non è lei, ci lascerà con il cuore in frantumi? Oppure in realtà siamo esseri completi e anche un po’ egoisti, portati ad anteporre i nostri interessi e destinati a spezzare il cuore di chi vede in noi quello che non siamo? Questa canzone ci lascia con questo dubbio ma con la certezza che il risultato è lo stesso… cuori infranti!

Una canzone che, se fosse stato famoso, sarebbe sicuramente diventato un tormentone estivo è “Nella mia testa” con un sound molto orecchiabile e un ritornello “ripetutamente” per dirla alla 99 posse.  Vi raccomando di ascoltare anche altre canzoni come “Resto io”, “Se ti rivedrò”,  “Muoviti”, “Sembra ieri” e… tutte le altre!

L’articolo si conclude qui, spero vi sia piaciuto e chissà, magari lo andremo ad ascoltare insieme live.

Buon San Valentino a tutt*, andate e moltiplicatevi! Qualcuno ha bisogno delle mappe o degli schemi? … 😛

GM

Seguici su:
Giuseppe MiglioreCommunityErano i primi anni in cui insegnavo all'alberghiero, i 'tempi d'oro' delle tredici prime e proprio nella tredicesima c'era un ragazzo che, durante gli intervalli, andava in cortile, sotto la vicepresidenza, e sfidava i compagni, senza basi, a gare di freestyle. Il tempo è passato, quel ragazzo è cresciuto...Una comunità scolastica attiva